… è l’alba di un giorno qualsiasi in un paese lontano, dove i tetti sono grigi, scelto perché ero senza meta. Ricordo che debbo salutarti, che sei senza padre e che io, tuo fratello, al momento di accarezzarti, ti provoco un pianto incontrollato. Il saluto è tuttavia veloce, il motore della macchina già acceso. Trasognato salgo le scale infreddolito, mi spoglio nuovamente e, al momento di mettermi a letto per stringere le spalle di N., comincio a piangere anche io. Il pianto, dapprima sommesso, si fa convulso, inizio a singhiozzare e percepisco il corpo rigido di N., che finge di dormire mentre il mio viso le bagna i capelli. Carrère, in Vite che non sono la mia, cita Fitzgerald: ‘naturalmente ogni vita è un processo di demolizione’. Ma questa frase gli è sospetta. A me ricorda Bloy, che si definiva impresario in demolizioni (quali, esattamente, si sarebbe ascritto?). Ma non è qui che mi voglio fermare. La frase di Fitzgerald non ci piace perché in quel processo di demolizione non possiamo aspirare a nessun perdono. Non saremmo uomini e donne se sapessimo perdonare e qui chiunque avrebbe bisogno di essere perdonato. Solo Dio, ci è stato detto, ti ha già perdonato. Il solo calore cui possiamo aspirare non è di quaggiù, è molto lontano, è esile come ogni speranza. Pecca dunque grandemente, ma credi ancora più fortemente, scrive Lutero a Melantone: e i cattolici non hanno invece fatto del perdono amministrato la via breve che ci conduce ad un confessionale sempre aperto? Ovviamente, è Dio a perdonarti, ma deve dirtelo un uomo, e tu lo devi ascoltare. Mentre sfasciamo ogni parvenza concreta di sicurezza, una demolizione metodica e implacabile, dovremmo dunque dirci, ripetere a noi stessi: non potrò mai abbandonarmi all’amore, perché l’amore pervade fortunatamente l’essenza terrena, il perdono quella ultramondana. Quale bella semplicità in coloro che sanno amare, che non ne hanno mai mancato l’occasione! Solo loro sanno vivere ciascuno la vita che è la loro e di nessun altro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *