E se Dio abitasse il reale in primo luogo come ‘nome’? E se questo ‘nome’, che nomina un nome impronunciabile, non obliterasse una sostanza bensì il gesto di espirare di cui è fatta ogni lingua? Dio è fin da subito prigioniero della parola, come noi. Salire misticamente è parlare con lui, non di lui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *