Sono le ore calme della notte, che importa il futuro? Perché mi dà pensiero? Che la notte possa inviluppare il mondo di un solo inverno sidereo, lontano da qui, tra due stelle, insomma. Senza l’una e senza l’altra, conciso, terrò il mio discorso alla polvere oscura e rada.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *